Aperitivi 'batterici', occhio a inzuppare più volte gli snack nelle salse

Pubblicato il: 08/08/2016 in adnKronos Salute

Al via gli aperitivi sulla spiaggia a suon di bevande alcoliche o meno, ma soprattutto dei più diversi snack.

Molto in voga le salse millegusti (dal guacamole alla 'barbecue') dove immergere cracker o nachos alla messicana, per stuzzicare le papille gustative. Ma attenzione all'igiene: intingere gli alimenti già 'assaggiati' più e più volte nel condimento contribuisce infatti a diffondere, ma anche ad assumere germi in abbondanza.

L'avvertimento arriva niente di meno che dalla rivista 'Healthbeat', edita dall'università di Harvard, che ripercorre la letteratura scientifica disponibile sul tema.

Anche Oltreoceano infatti è molto diffusa l'usanza del 'double-dipping', ossia dell'inzuppare snack di ogni tipo nelle salsine al formaggio o nel semplice ketchup. Ma proprio quando è 'double' (cioè 'doppio', ripetuto) il gesto, all'apparenza innocuo, diventa realmente pericoloso.

Robert Shmerling, editore di HealthBeat, spiega: "Se una persona affetta da qualsiasi infezione immerge due volte un alimento nella salsa in comune con altri, diffonde i germi: dalla tubercolosi alla legionella, possono diffondersi le più disparate malattie" attraverso un semplice aperitivo.

Una recente ricerca, ricorda la rivista, ha esaminato gli effetti dell'inzuppamento selvaggio e ripetuto di vari alimenti, in varie salse. Si è riscontrato che la contaminazione varia a seconda del tipo di salsa e le meno 'pericolose' sono quelle al formaggio e al cioccolato (in caso di spuntini dolci), perché più dense e meno esposte al rischio di ricadere in pezzetti nel contenitore.